I Cookie

Pollicino nella fiaba famosa di Charles Perrault si racconta, lasciasse frammenti di pane sul suo percorso per evitare che potesse non trovare più la strada di casa. Prendendo in prestito questo aneddoto  (molte volte è assimilabile a tanti paradigmi nella vita comune) possiamo meglio spiegare cosa sono e a cosa servono i; “cookie”. Biscotto (in inglese), servono nel web per migliorare la navigazione, ma sono anche utilizzati dalle aziende per identificare, riconoscere e classificare l’utente (detti di profilazione) (vedi OBA).

Dal 25 maggio grazie al GDPR (General Data Protection Regulation) a completamento del già pronunciato Regolamento Ue 2016/679 è diventato obbligatorio in tutti i paesi della UE specificare da parte del responsabile del sito, cosa faranno i cookies nel sito che stiamo visitando. Questi, va ricordato, sono file di testo inviati da un sito web al computer dell’utente che lo sta visitando.

Esistono diverse tipologie di cookie a cui  si rimanda al lettore un eventuale approfondimento.

Ma come si fa a capire se una pagina che sto visitando mi spia o utilizza cookie di profilazione o peggio ancora carpisce i miei dati?

E’ possibile installare permanentemente dei plugin specializzati proprio in questo direttamente nel proprio browser o utilizzarne online.